Lo Studio

E’ ferma convinzione dell’Avvocato Tripodi che un rapporto davvero fiduciario con il proprio assistito permetta di ottenere i migliori risultati.

Per arrivare a tale finalità, si è sempre partiti da un punto imprescindibile: pur nel rispetto dei ruoli, la scrivania che separa cliente ed avvocato non deve mai rappresentare una barriera invalicabile, ma deve divenire un ponte naturale tra le domande dell’uno e le risposte dell’altro.

L’avvocato non dovrà mai farsi desiderare, non dovrà mai creare filtri e schermi tra sé ed il cliente, assicurando a quest’ultimo la propria disponibilità personale, oltre che una consulenza legale completa, e cercando di andare incontro alle esigenze dello stesso, consci che più si comprendono le vere istanze della parte, migliore sarà il servizio che si potrà offrire.

Il ruolo dell’Avvocato, se esercitato con rigore morale e consapevolezza delle responsabilità in esso insite, può assumere grande rilievo nella vita dei propri assistiti, siano essi persone private o società: l’assistito “si mette nelle mani” dell’Avvocato, al quale, spesso, consegna le proprie ansie, le proprie aspettative, i propri bisogni.

Ed allora l’Avvocato, non venendo mai meno a tali precetti, dovrà parlare al proprio assistito con linguaggio di verità, competenza, professionalità ed umanità: perché la vittoria più bella è quella che comincia nello Studio e si fonda sul rapporto di fiducia vera e costruttiva.

News

ago17

17/08/2022

La vita privata dell’avvocato può avere rilevanza deontologica

Un avvocato viene accusato di truffa a

ago17

17/08/2022

Definite le modalità di erogazione e contabilizzazione delle risorse PNRR

<p>La Ragioneria Generale dello Stato